Canapa Industriale. Alternativa ecologica alla produzione di carta di polpa di cellulosa

Quaderni, riviste, fogli…ecc sono fabbricati dalla cellulosa degli alberi, il cui utilizzo è ormai diffuso in tutto il mondo ma come sappiamo ha molte conseguenze per l’impatto ambientale, inquinamento e non solo, la diminuizione degli alberi che ci donano vita e ossigeno per colpa dell’abbattimento di essi per l’utilizzo della loro cellulosa, causando diversi problemi per la salute e cura del pianeta e specialmente per la preservazione delle biodiversità.

ci vuole un vero cambiamento implementando l’utilizzo di una carta alternativa fatta dalla canapa industriale
La Cina è stato il primo paese a intravedere l’enorme potenziale della canapa

 

Oggi scopriremo come la canapa industriale può essere un’alternativa ecologica alla carta di cellulosa.

Nella millenaria dinastia cinese, parliamo di circa 2200 anni fa, la carta era fatta dalla canapa che aveva altre applicazioni, tra cui:

  • Elaborare tessuti, tele, e corde.

Durante la Dinastia Han la carta di canapa fu usata per sostituire l’utilizzo di tabelle di pietre e legno, diventando il metodo primario per registrare qualsiasi informazione (come facciamo oggi quando scriviamo su un foglio convenzionale).

Inoltre, la Cina è stato il primo paese a intravedere l’enorme potenziale della canapa per cui costruì le prime cartiere a livello mondiale.

Il problema che rappresenta l’industria cartaria

Sappiamo che i fogli di carta sono dappertutto, fanno parte della vita quotidiana da secoli, però non molti sanno che l’industria cartaria, quella che si occupa della fabbricazione di carta di cellulosa, rappresenta un vero problema per l’ambiente oltre al consumo smisurato di carta.

A dir la verità le statistiche sull’utilizzo dei fogli di carta non sono molto incoraggianti, vediamo perché:

  • Circa 15 miliardi di fogli di carta si utilizzano ogni anno negli uffici
  • Ogni persona consuma in media 40 kg di carta all’anno (a livello mondiale)
  • Sorprendentemente, nel 2017 la quantità di carta consumata in tutto il mondo superò i 423 milioni di fogli. Dati che ci lasciano perplessi!

Appena il 35% degli alberi abbattuti si usano per produrre carta e solo il 40% del legno tagliato ha applicazioni industriali (fabbricazione della carta e i suoi derivati), questo vuol dire che ogni anno, dovuto all’abbattimento degli alberi, si perdono circa 15,000 milioni di questi importanti polmoni di vita (alberi e piante).

A questo si aggiungono anche l’utilizzo della candeggina (nocivo per l’ambiente) per sbiancare la carta di cellulosa.

Ci vuole un vero cambiamento

Sebbene ci siano varie politiche mirate alla preservazione di foreste e boschi, promuovendo la gestione sostenibile degli alberi, ci vuole un vero cambiamento implementando l’utilizzo di una carta alternativa fatta dalla canapa industriale, se vogliamo che il nostro pianeta continui ad essere generoso con noi.

Vista l’era del consumo digitale è vero che produzione e consumo di carta sono calati in confronto agli anni precedenti e così sono diminuiti gli effetti dannosi per l’ambiente.

C’è ancora molta strada da fare per indurre un cambiamento definitivo, e non solo iniziando dal riciclo di carta ma l’uso di una materia prima alternativa per sostituire la carta di cellulosa, ovvero, la canapa industriale come sostituto perfetto!

Molti paesi europei stanno spingendo l’utilizzo degli strumenti digitali per sostituire la carta, ad esempio, l’Estonia che è diventato il paese più digitalizzato al mondo. 

Cos’è la carta di canapa?

La carta di canapa non è un qualcosa di nuovo, è stata usata per secoli per scrivere e documentare importanti eventi mondiali che cambiarono il corso della storia.

Sorprendentemente, i libri e gli scritti che fanno parte della storia dell’umanità furono scritti su carte di canana (ad esempio: la Bibbia, la Carta Magna, gli opuscoli di Thomas Paine (conosciuti anche come “il buon senso”), e le prime bozze della Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti.

La carta di canapa è fatta dalla fibra della corteccia (lunga o corta) di canapa.

Oltre a ciò, la polpa di canapa contiene abbastanza fibra in confronto alla cellulosa del legno degli alberi e un contenuto di lignina più basso, caratteristiche che fanno di questo tipo di carta più sottile ma resistente, di una consistenza ruvida, per cui può essere utilizzata tranquillamente al posto della carta di cellulosa (contribuendo enormemente alla salvaguarda del pianeta).

La composizione del gambo della canapa è fatta da un 85% di cellulosa (materia prima principale per produrre la carta), che come vediamo rappresenta un 55% in più a quella degli alberi (che ne hanno il 30% di cellulosa)

Vantaggi della canapa come alternativa per sostituire la carta tradizionale

Dentro questa varietà di sforzi atti a salvaguardare il pianeta appare la canapa con un grande potenziale per fare diventare l’industria cartaria in un’industria più ecologica con l’ambiente, che come sappiamo la coltivazione e commercializzazione della canapa offre tantissimi vantaggi ambientali:

  • La canapa cresce in 3 o 4 mesi dalla sua coltivazione, un processo veloce per tenere a disposizione queste piante per le varie applicazioni (un’opzione più fattibile se comparata ai 20-80 anni che ci vogliono perché un albero si sviluppi del tutto)
  • La canapa può essere coltivata varie volte all’anno
  • Migliora la diversificazione agricola e permette di usufruire del suolo a lungo termine
  • Non ci vuole l’uso di pesticidi, in quanto la canapa è una pianta resistente ai parassiti.
  • Elimina i metalli pesanti dal terreno in cui viene coltivata, quindi agisce come un bioriparatore
  • Previene l’erosione del suolo grazie alla radice della pianta (lunga 2,5m)
  • Aumenta le prestazioni delle future coltivazioni in un 10%-15%
  • Nella produzione di carta di canapa non bisogna utilizzare dei dannosi prodotti chimici come succede nella lavorazione di carta di polpa di cellulosa
  • L’impatto a livello economico è minore giacché essendo la canapa una pianta facile da coltivare, non bisogna abbattere gli alberi in quanto a Km 0 possiamo disporre di piante di cannabis
  • La carta di canapa non ha bisogno di sbiancamenti (in confronto alla carta di polpa di cellulosa) il che significa che si evita l’utilizzo di prodotti chimici tossici che poi finisco per inquinare le acque dove vengono smaltiti
  • Un acro di canapa è in grado di produrre più carta di 4 acri di alberi
  • Per produrre carta di canapa ci vuole una minore quantità di acqua e di energia.

Per questo, la canapa industriale rappresenta una fonte preziosa di risorse rinnovabili.

D’altronde, sapevi che le prime copie della Bibbia erano fatte di carta di canapa? Quindi come puoi vedere il suo utilizzo è millenario e dobbiamo creare coscienza per far sì che aumenti la popolarità di questa soluzione alternativa alla carta di cellulosa.

Applicazioni della carta di canapa

La canapa è una pianta molto più adatta alla produzione di carta per via dell’alto contenuto di cellulosa, infatti ne ha fino al 85% in confronto al 30% di quella degli alberi.

L’unico punto a suo sfavore è che il processo di estrazione e conversione è ancora più complesso, motivo per il quale il 90% della carta industriale è fabbricata dalla cellulosa del legno (a un costo minore) e l’utilizzo della carta di canapa (più mordida da lavorare e con un processo di produzione più rispettoso dell’ambiente) ha piuttosto applicazioni secondarie, però in teoria, si starebbe sprecando l’enorme potenziale della canapa industriale per produrre carta di qualità.

Di seguito, elenchiamo delle applicazioni della carta di canapa che magari non conoscevi finora:

  • La canapa dona maggiore resistenza e rigidità alla carta, soprattutto per i fogli fini, motivo per il quale la produzione di carta di canapa trova applicazioni nella lavorazione di carta per fare le sigarette
  • Le fibre di canapa sono perfette per produrre le bustine per il tè che devono essere porose e resistere all’umidità (indubbiamente la carta di canapa è adatta a queste condizioni, caso contrario della carta di polpa di cellulosa che semplicemente non resistirebbe all’umidità)
  • Può essere utilizzata come materiale di cancelleria o addirittura come carta di una bellezza artistica degna di ammirazione in quanto la tela di canapa su cui si possono creare meravigliose opere d’arte ha una consistenza morbida ma allo stesso tempo duratura, dunque molti artisti utilizzano questo tipo di carta per creare poster che siano abbastanza resistenti e duraturi. A questo punto, hai mai pensato che la tela su cui dipingevano Rembrandt e Van Gogh era di canapa? Eh sì!
  • È utile per la conservazione di documenti a lungo termine, vista l’elevata resistenza della carta di canapa
  • Elaborare banconote di canapa le rende più resistente alla continua e ruda manipolazione di banconote in giro, per cui dureranno più a lungo
  • La porosità della carta di canapa fa sì che sia in grado di tollerare l’umidità, come accennato prima, per cui l’utilizzo di filtri a base di canapa li rende più performanti e resistenti in comparazione ad altri filtri a base di altri materiali (ad esempio polimeri, metalli)

Bisogna che i governi dei vari paesi creino politiche e incentivi che spingano la produzione di carta di canapa, un vero materiale ecologico con più possibilità di riutilizzazione, anzi 7 volte di più tramite il riciclaggio in confronto alla carta convenzionale, senza perdere la sua qualità.

Perché diventare GREEN e ECOFRIENDLY non è una moda, ma un bisogno per il bene del pianeta e la nostra salute, poiché contribuire a un minor inquinamento porta indubbiamente tanti vantaggi su cui tutti noi dobbiamo lavorare per rispettare l’ecosistema e vivere più a lungo! 

Non possiamo rimanere inerti davanti all’inquinamento che provoca l’industria cartaria, che rappresenta il quinto maggior consumatore d’energia (circa 4% del consumo globale), perciò dobbiamo incentivare l’utilizzo di materie prime più ecologiche e quindi l’uso della carta di canapa piuttosto della carta di cellulosa.

La Canapa sativa è proprio un miracolo della natura e abbiamo visto il perché la canapa industriale può essere un’alternativa ecologica alla produzione di carta di cellulosa!

Cosa ne pensi di quest’articolo? Lasciaci un tuo commento sotto. Sono sicura che ci sono tante cose che non sapevi sulla produzione della carta e il potenziale della canapa nell’industria cartaria! 

Se ti interessa scoprire tutti i prodotti derivati dalla canapa che abbiamo a disposizione, vieni a sfogliare il nostro catalogo online:


Ti aspettiamo sul nostro shop Oasi della Canapa: Piacere & Benessere con un click.

Condividi sui Social questo Articolo

Gli Ultimi Articoli