Al momento stai visualizzando Lo Spot della RAI sulla Canapa: Miti da sfatare

Lo Spot della RAI sulla Canapa: Miti da sfatare

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Qualche giorno fa si è sollevato un vero polverone mediatico sui social che vede al centro lo spot della RAI che cerca di paragonare la Cannabis alle sostanze stupefacenti, in una campagna sponsorizzata dal Governo, tra l’altro piena di idee sbagliate e di miti da sfatare assolutamente sulla Canapa, la pianta più controversa al mondo (da sempre incompresa), sulla quale aleggia un grosso velo di tabù e proibizionismo

Canapa, Cannabis, Legalizzazione della Canapa in Italia, spot della RAI, Canapa legale, legalizzazione Canapa

Lo Spot ambientato a Roma gira intorno a due ragazzi, uno adolescente e l’altro un bambino. Il primo si appresta a rollare una canna da fumare mentre quello più piccolo gli si avvicina e lo mette in guardia con la frase che ha fatto scatenare la bufera mediatica: è un attimo che passi ad altre droghe. 

Canapa e droghe: non sono sinonimi 

Da anni i partiti della coalizione di destra, ora a capo del Governo della Meloni, lottano per bloccare e per impedire la legalizzazione della Canapa in Italia, facendo rimanere il Belpaese indietro nei confronti delle altre nazioni dell’Unione Europea che hanno detto Sì alla cannabis legale con progetti di legge e decreti per legalizzare la Canapa.

👉 Ti potrebbe interessare: Legalizzazione Canapa. Cosa pensano le celebrità?

A fare da testimone dell’intenzione del Governo di fondare nell’immaginario colletivo l’idea, seppur sbagliata, che la Cannabis sia paragonata ad una droga di passaggio (cosa che in realtà non è), lo spot della RAI, infarcito di fake news che non ha alla base nessun fondamento scientifico che sostenga quello che viene espresso nella pubblicità.

Canapa, Cannabis, Legalizzazione della Canapa in Italia, spot della RAI, Canapa legale, legalizzazione Canapa
Estratto dallo spot della RAI sulla Canapa

D’altronde, la disinformazione è all’ordine del giorno in questo spot di mamma RAI, dove una musica strappalacrime fa da sottofondo ad una voce fuori campo che sottolinea il pericolo della dipendenza dal consumo di stupefacenti, che vede ogni anno al pronto soccorso migliaia di persone con patologie legate alle droghe, e di queste almeno uno su dieci è minorenne, facendo passare la Canapa per la porta di ingresso per avvicinarsi alle droghe pesanti, quali cocaina, eroina e altre.

La Canapa non è una droga di passaggio

Al riguardo si è espressa anche la giornalista e membro parlamentare, attiva all’interno dell’associazione Meglio Legale, Antonella Soldo, impegnata nella corretta diffusione dell’informazione sulla Canapa, ha voluto sottolineare che non c’è nessuna connessione tra chi sviluppa una dipendenza da Cannabis, casi tra l’altro molto rari, e chi diventa dipendente dalle droghe pesanti.

Oltre a questo, la Soldo ha voluto spiegare che sono di più le persone che finiscono in pronto soccorso per consumo eccessivo di alcol, un dato che sale a quarantatremila persone all’anno, in confronto alle poco più di trecento soggetti che riportano problematiche associate a dipendenza e abuso di Cannabis.

La sostanza che più si avvicina all’essere una droga di passaggio non è la Canapa, ma appunto l’alcol, che solitamente è il primo approccio dei giovani per poi passare al tabacco, al fumo e nei peggiori dei casi alle droghe. 

Tenendo conto che l’alcol è una sostanza che può creare una forte dipendenza, ed è legale in tutto il mondo, essendo anche in grado di arrecare numerosi danni soprattutto ai più giovani. 

Da un bel po’ sui social girano diversi meme sullo spot della RAI che parla di Cannabis. L’ignoranza per fortuna non riguarda tutti, ma un determinato gruppo di persone che non sono in grado di andare oltre le parole mediatiche attraverso pubblicità brainwashing, molte volte campate in aria solo per infangare la Canapa

Oasi della Canapa, La Redazione 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

🛑 ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali
  • Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate
  • ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

  • Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate
  • Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

Lascia un commento