Al momento stai visualizzando Cannapita di Canapa e Il richiamo della natura | Parte uno

Cannapita di Canapa e Il richiamo della natura | Parte uno

Dopo essersi concessa qualche giorno di relax sul cucuzzolo della montagna, che le ha permesso di staccare dalla solita routine e di schiarirsi un pó le idee, la nostra Cannapita di Canapa si è ributtata a capo fitto nella sua vita di tutti i giorni, fatta di impegni, orari, scadenze, stress e paranoie varie. 

Il richiamo della natura, racconto erotico, storia erotica, Canapa, cannapita

Come stava bene in quello splendido chalet, attorniato da monti, boschi e neve fresca. E poi quell’incontro inaspettato con quel fusto del proprietario, con cui ha trascorso delle ore di passione e furore sessuale. 

Non lo ammetterà mai, ma spesso le è capitato di pensare a quel focoso amante, che con i suoi modi gentili era riuscito a conquistare la sua fiducia ed a farla sentire speciale, come non succedeva da parecchio tempo. 

Chissà se un giorno i loro corpi e le loro anime si riuniranno. Per adesso rimane solo un ottimo ricordo di quei bei momenti. 

Sono le due di notte e Cannapita di Canapa non riesce a prendere sonno, sarà la moltitudine di pensieri che le affollano il cervello. 

Il pensiero di quello che sarebbe potuto essere con il bel montanaro dai modi galanti, l’idea di poter costruire un rapporto fatto di serenità e felicità, finalmente insieme a qualcuno che la tratti come si merita di essere trattata, non come quel maiale di camionista che l’ha sedotta e abbandonata. 

Ogni tanto riaffiora lo spettro di Cannapito, quel bastardo che le ha promesso mari e monti e che è sparito sul più bello, come un vigliacco di prima categoria. Che stronzo! 

Si alza e si dirige verso il bagno, per sciacquarsi la faccia e sistemarsi. Dopodiché si reca in cucina per mangiare un pezzo di Cioccolato Bianco con semi di canapa bio, prodotto dalla Hanf & Natur, il più importante produttore europeo di alimenti e cosmetici a base di canapa. Ideale per dei piccoli momenti di piacere. 

È quasi mattina e Cannapita di Canapa deve iniziare a prepararsi per i suoi appuntamenti di lavoro giornalieri, da perfetta donna in carriera. 

Oggi ha optato per un tailleur blu notte, molto semplice ma estremamente elegante e un bel paio di décolleté nere, ovviamente tacco 12, un filo di trucco e capelli sciolti. 

Prima di uscire, prende il suo Quaderno Mandala con copertina in pelle, dove annota tutto ciò che concerne la sua sfera lavorativa. Caratteristico Block notes, perfetto anche come album per schizzi, è fatto completamente in carta riciclata. Composto da 100 pagine bianche e da un pratico cordino per la chiusura. Segnati gli ultimi dettagli, infila il quaderno in borsa, dove non può mancare, visto il periodo che stiamo purtroppo vivendo, un pratico Spray Antiaggressione al Peperoncino, prodotto dall’azienda Ronson, immobilizza l’aggressore per più di 30 minuti ed è perfetto per la legittima difesa. 

Prese le chiavi della macchina, un’ultima sistemata davanti allo specchio ed è pronta per iniziare la sua giornata. Cosa le riserveranno queste 24 ore? Lo vedremo. 

Dopo i primi due appuntamenti, con clienti abituali, quindi senza troppi convenevoli e perdite di tempo superfluo, è il turno di un nuovo cliente, che potrebbe essere molto proficuo e redditizio secondo i dirigenti della multinazionale con cui la nostra Cannapita di Canapa collabora ormai da anni. 

Il luogo prefissato per l’incontro del briefing è un cascinale in provincia, a circa un’ora dal centro.

Dopo una cinquantina di minuti Cannapita di Canapa è in dirittura di arrivo. Dopo qualche chilometro la nostra protagonista si ritrova davanti ad un grande cancello in ferro battuto, che si apre magicamente non appena viene riconosciuta dalle telecamere. 

La tenuta è immensa, con un frutteto e moltissime piante secolari. Dopo aver percorso un lungo viale alberato, giunge davanti alla magione, dove ad attenderla c’è il maggiordomo, elegantissimo con tanto di guanti bianchi. 

Cannapita di Canapa è incuriosita dalla situazione e non vede l’ora di conoscere il proprietario del casale. 

Gastone, il maggiordomo, la invita a seguirlo e la fa attendere in una grande sala piena di quadri del settecento e sculture d’arte moderna, una contrapposizione che la affascina molto. 

Dopo qualche minuto si presenta un uomo sulla cinquantina, brizzolato, dal fisico slanciato e molto affascinante, che indossa una vestaglia di seta. Si tratta di un noto imprenditore del settore calzaturiero, con origini nobili, Giacomo Casiraghi Rossi. Dopo aver parlato principalmente di lavoro, l’uomo decide di mostrare la tenuta a Cannapita di Canapa, che accetta di buon grado. 

Giunti in una delle innumerevoli stanze, i due si accomodano su di un grande divano e cominciano amabilmente a conversare del più e del meno. 

Ad un certo punto Giacomo tira fuori da uno dei cassetti del settimanale in ciliegio, il Monkey King Vassoio per Rollare con Storage Box in Metallo Superhero Edition Large, ottimo per conservare tutto il materiale per fumare e gli accessori, dove appoggia qualche grammo di Moonrock Ice – Rocce Lunari, infiorescenze essiccate di Canapa Legale, imbevute nell’olio di CBD e successivamente ricoperte di cristalli di CBD

L’uomo dopo aver preparato il tutto, prende il suo fidato Bong in Silicone Sottomarino Vari Colori con Pezzi Rimovibili 13cm e chiede a Cannapita di Canapa se vuole fargli compagnia.

Lei ovviamente accetta e i due si intrattengono per qualche minuto, fumando con questo simpatico e irriverente Bong

L’atmosfera ovviamente si fa sempre più intima ed a un certo punto Giacomo le prende la mano e le chiede di seguirlo. 

Arrivati in un grande salone, con pavimento e colonne in marmo nero e un grosso tavolo in cristallo, l’uomo le mostra una Shibari Rope-Corda in Canapa, ideale per i giochi Bondage, che pende da un gancio appeso al soffitto. 

Cannapita di Canapa resta sbigottita, non si sarebbe mai aspettata che una persona distinta potesse nascondere un lato così perverso. 

Comunque da donna di mondo quale è, non si stupisce più di tanto e curiosa si avvicina al nobile. Giacomo le chiede se sapesse a cosa servisse quella corda e se avesse mai provato il Bondage e il Bdsm

Cannapita di Canapa è sicuramente una che non si è fatta mai mancare nulla nella sua vita, ma a dire il vero, questo settore le è del tutto sconosciuto. Si lascerà andare ed esplorerà nuovi mondi? Lo scopriremo nel prossimo appuntamento. 

Oasi della Canapa, La Redazione 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Lascia un commento