Al momento stai visualizzando Che cosa cura la canapa?

Che cosa cura la canapa?

Dal 2006 in Italia il medico può prescrivere l’assunzione di cannabis ad uso terapeutico per alleviare alcuni sintomi e patologie, ma solo nel caso in cui le terapie convenzionali risultino insufficienti.

Nonostante il mondo scientifico contesti parzialmente la sua efficacia, la cannabis viene ormai impiegata per patologie fisiche e psichiatriche anche gravi.

I principi attivi che permettono l’utilizzo della canapa in medicina sono i cannabinoidi, più precisamente il THC e il CBD, e l’effetto dipende dalla loro concentrazione. Il primo è il responsabile degli effetti antidolorifici, antinausea e rilassanti, mentre il secondo ha proprietà sedative, antipsicotiche e si è dimostrato efficace anche nel contrastare le crisi epilettiche, riducendone frequenza e gravità.

Quando si utilizza la canapa ad uso terapeutico?

I casi sono i seguenti:

  • Alleviare il dolore cronico di tipo neuropatico, come le lesioni del midollo spinale e patologie come la sclerosi multipla e SLA
  • Contrastare nausea e vomito causati da chemioterapia, radioterapia e terapie farmacologiche contro HIV e AIDS
  • Contrastare i movimenti involontari nei pazienti affetti da sindrome di Tourette o Parkinson
  • Contrastare la pressione endooculare nei pazienti con glaucoma
  • Stimolare l’appetito nei pazienti affetti da AIDS, nei pazienti oncologici e quelli affetti da anoressia nervosa.

Come descritto in uno dei punti sopra, la canapa ad uso terapeutico è utilizzata per lenire i sintomi causati dalle terapie antitumorali, e alcuni studi hanno dimostrato che i principi attivi della pianta sono in grado di inibire la crescita delle cellule tumorali. Nonostante i buoni risultati è però necessario condurre ulteriori studi per l’approvazione della marijuana in questo tipo di trattamento.

Dati i numerosissimi cannabinoidi presenti nella marijuana, ve ne sono alcuni in grado di contrastare disturbi psichiatrici come l’ansia, la schizofrenia e il bipolarismo, e vista la grande quantità non è semplice determinare quale sia la formula vincente, per questo ogni patologia reagisce più o meno bene ad uno dei due princìpi.

Per svolgere la loro funzione, i componenti della pianta devono subire il processo conosciuto come “carbossilazione”, e si verifica nel momento in cui questi raggiungono temperature superiori ai 100 gradi, è per questo che tra i metodi di somministrazione più utilizzati ci sono il fumo, l’infusione e la vaporizzazione.le farmacie in Italia sono autorizzate alla vendita di cannabis terapeutica contenuta in cartine utili all’infusione nelle bevande o alla vaporizzazione e sotto forma di olio.

La legge in Italia.

L’approvazione della legge sulla cannabis riguarda solo ed esclusivamente l’utilizzo a scopo terapeutico e non prevede in nessun caso la liberalizzazione e la legalizzazione.

Il testo di legge contiene più precisamente norme che:

  • Sostengono la semplificazione dell’assunzione del prodotto attraverso processi di lavorazione, produzione e trasformazione
  • Promuovono la ricerca scientifica sugli impieghi della marijuana in campo medico
  • Promuovono informazioni e aggiornamenti dei medici impegnati nella terapia del dolore

La legge italiana si impegna però anche a tenere sotto controllo la dispensazione di questi trattamenti. Come già detto il medico può innanzitutto prescriverla solo nel caso dell’inefficacia delle terapie tradizionali, la ricetta non dev’essere ripetibile e deve riportare tutti i dati relativi alla sua somministrazione (dosi, modalità di assunzione e durata del trattamento non superiore a 3 mesi)

Infine ti ricordo che la prescrizione medica è dispensata a carico del Sistema Sanitario Nazionale.