Cannabis ermafrodita: cos’è l’ermafroditismo, cause

Una pianta ermafrodita potrebbe distruggere l’intero lavoro dei growers, dalla coltivazione alla raccolta finale, se non si fa nulla per prevenire e specialmente se non si è in grado di identificare le piante di cannabis ermafrodita

Cannabis ermafrodita, pianta ermafrodita, canapa femmina o maschio
L’ermafroditismo nella cannabis può avere diverse cause

 

Insomma, il fenomeno dell’ermafroditismo può diventare un vero incubo per i coltivatori di cannabis che vogliono ottenere piante dalle cime resinose e ricche di infiorescenze.

Prima di tutto, bisogna però capire bene cos’è una pianta ermafrodita, per poi addentrarsi proprio nell’ambito della cannabis.

Cos’è una pianta ermafrodita?

In natura esistono piante che sviluppano nella loro stessa struttura fiori maschili e femminili, dunque, si autoimpollinano senza intermediari, come gli insetti impollinatori.

Ovvero, in questo tipo di piante ermafrodite, visto che hanno entrambi gli organi sessuali riproduttivi, c’è lo stame, che è la costituzione fertile maschile (quella che si occupa di produrre il polline), e lo stigma che è predisposto a favorire l’impollinazione, in quanto funge da recettore del polline, trovandosi nella parte superiore del pistillo.

Ora che abbiamo capito meglio cosa vuol dire, in botanica, una pianta ermafrodita, passiamo dritto alla cannabis.

Cannabis ermafrodita significato

In primis, la cannabis si distingue per essere dioica, questo significa che può diventare una specie di canapa femmina (ricca di infiorescenze, di fiori e di rami, con alto contenuto di THC), ma che a sua volta può produrre fiori maschili, a forma di campanello, finalizzati a dare vita ai semi per prolungare il ciclo di vita, per cui avrà tutti e due gli organi riproduttivi (cannabis ermafrodita) sulla stessa pianta.

O al contrario, crescere come una pianta di canapa maschio, che si contraddistingue per l’assenza di fiori, e per la poca quantità di foglie e di rami. Di solito sono piante grandi e vengono utilizzate maggiormente per produrre i semi di cannabis e per ottenere le fibre maschili utili per la creazione di tessuti resistenti e di qualità. 

In termini generali però quello che interessa di più ai coltivatori di canapa in Italia sono i fiori femmina, in quanto sono in grado di produrre più cime resinose e tricomi, e trovano un uso più ampio, ad esempio i fiori possono essere utilizzati per la preparazione di tè e infusi di canapa, e anche per ottenere diversi prodotti derivati, quali cristalli di cbd, olio di cbd, ecc.

🍵 Prova la nostra linea di tè e infusi di canapa 👇

Infusi di canapa, tè di canapa, foglie di canapa
Clicca l’immagine per visualizzare la nostra nuova linea di tè e infusi di canapa

 

Tra l’altro se si fa attenzione, osservando una pianta di canapa femmina, hanno una sorta di peletti biancastri, dove vi sono i pistilli. Mentre una cannabis maschio, si fa notare per la presenza di sacche di polline e non hanno quei pelucchi bianchi dell’esemplare femmina.

Una cannabis ermafrodita è la specie femmina della pianta in questione che, per riprodursi, sviluppa anche gli organi sessuali maschili. A causare questa condizione ci sono una serie di fattori naturali e variabili, di cui parleremo nelle prossime linee.

👉 Ti potrebbe interessare: Le foglie di Canapa, novel food o alimenti tradizionali?

Cosa causa l’ermafroditismo nella cannabis? 

Le piante di canapa che sono sottoposte a situazioni stressanti, che possono essere ad esempio:

  • La mancanza o l’eccesso di acqua
  • Un terreno coltivazione canapa con pochi nutrienti
  • La quantità di luce che riceve la pianta durante il periodo di allevamento
  • Le variazioni di temperatura e gli sbalzi repentini di umidità
  • La presenza di insetti che possono minacciare la coltura
  • Il verificarsi di malattie nella pianta
  • L’uso inadeguato di pesticidi o fungicidi

Tutte queste variabili possono indurre la pianta di cannabis femmina a produrre anche i fiori maschi, nel tentativo di sopravvivere alle minacce esterne che vi possono essere, e che abbiamo accennato precedentemente.

Al di là di questo, c’è anche da considerare la genetica della cannabis, in quanto alcune specie sono più propense a sviluppare entrambi gli organi riproduttivi nella stessa pianta.

👉 Non perdere: Genetiche canapa legale: definizione, le più famose

Oltre a questo, risalta il fatto che i coltivatori possono manipolare i semi di cannabis, per produrre solo piante di canapa femmina, una di queste pratiche si chiama rodelizzazione. Ma se non viene effettuata adeguatamente, può presentarsi una cannabis ermafrodita.

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali 

Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate.

ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate.

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate.

Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso.

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

Share this article on social networks

Latest Articles