Al momento stai visualizzando La Cannabis ricreativa può diminuire il consumo di tabacco?

La Cannabis ricreativa può diminuire il consumo di tabacco?

Si è parlato spesso degli effetti del tabacco per la salute, e dei costi sanitari ad esso associati, per cui partendo da questo presupposto oggi parleremo dei risultati che sono venuti alla luce da una ricerca svoltasi negli Stati Uniti che studia il rapporto fra la legalizzazione del consumo di cannabis ricreativa e come questo importante cambiamento potrebbe incidere nel tasso di fumo tradizionale, facendo appunto calare l’uso dei prodotti del tabacco, sigari, sigarette elettroniche, ecc al posto dell’erba. Scopriamolo nel nostro puntuale appuntamento odierno. 

Cannabis Ricreativa, canapa ricreativa

Colorado e Washington. Primi stati degli USA a legalizzare la Canapa Ricreativa

Una delle principali preoccupazioni al centro del mirino nelle legislazioni che discutono l’argomento sulla legalizzazione della cannabis è l’incremento dei tassi di criminalità, però bisogna capire che si tratta di un’ipotetica situazione in quanto occorre analizzare la realtà associata alla liberazione dell’erba a scopo ludico.

E su questo gli esperti hanno voluto approfondire se c’è qualche correlazione tra la criminalità e il consumo di canapa, andando a studiare i dati statistici sui primi due Stati americani che hanno per primo dato il via alla cannabis ricreativa, ovvero Colorado e Washington, che dal 2012 hanno ufficialmente legalizzato il suo utilizzo e consumo da questa ottica.

Dall’analisi di entrambi gli stati, negli anni che comprendono il 2000 e il 2019, in base a un controllo sintetico, si è capito che la legalizzazione non comporta nessuna variazione dei tassi di criminalità, almeno in questa platea di studio.

👉 Ti potrebbe interessare: Cannabis e la comunità LGBT: cosa hanno in comune?

Cannabis ricreativa e consumo di tabacco: quale è la relazione?

Dalla ricerca scientifica, condotta da tre università, la Georgia State University, in Atlanta; la Bentley University, di Massachusetts; e la San Diego State University, in California, è emersa una correlazione i cui risultati percentuali, sebbene non tanto significativi a livello statistico ma che è già comunque un indizio, segnalano un rapporto diretto tra il consumo di cannabis ricreativa, a seguito della sua legalizzazione, e un calo nel consumo del tabacco e i suoi derivati.

Questo permette ulteriormente di capire l’enorme impatto che potrebbe significare il cambio di paradigma nelle politiche dei paesi nei confronti della cannabis, sia a livello sanitario, con la diminuzione dei problemi di salute legati al fumo di sigarette e tabacco, sia a livello economico, in quanto la liberazione di questo settore potrebbe creare nuove postazioni di lavoro, dalle piantagioni ai negozi che commercializzazione legalmente l’erba, contrastando al contempo l’illegalità delle mafie. 

Inoltre, i risultati sono basati sull’analisi dei dati della popolazione di studio, il primo la valutazione della società che consuma tabacco e gli effetti per la salute (conosciuto in inglese come Population Assessment of Tobacco and Health, PATH) e il sondaggio nazionale sull’uso della droga e l’impatto sulla salute (in inglese, National Survey on Drug Use and Health, NSDUH)

L’informazione ricavata da Dhaval Dave e colleghi, nella ricerca scientifica intitolata Have recreational marijuana laws undermined public health progress on adult tobacco use?, è stata pubblicata sulla rivista Journal of Health Economics, che tra l’altro evidenzia come gli adulti prediligono fumare cannabis al posto del tabacco, anziché fumarne tutti e due o soltanto le sigarette tradizionali. 

Indubbiamente questi dati rispecchiano le abitudini di consumo delle popolazioni, il che dimostra come fumare canapa sia cresciuto esponenzialmente negli stati che hanno deciso di renderla legale. 

Nel complesso oltre ai benefici per la salute nello smettere di fumare tabacco, ci sono vantaggi anche per l’ambiente, in quanto, come sappiamo la canapa è una pianta che porta benefici al terreno dove viene coltivata, promuovendo così un’economia sostenibile. 

In ogni caso, servono ancora ulteriori dati e analisi per sostenere questa prima ricerca, per discutere sui costi associati al consumo di cannabis ricreativa e l’effetto per la salute

👉 Da leggere: Nuove politiche sulla cannabis UE, depenalizzazione, riforma

Sono più i fumatori di cannabis che di tabacco

A riguardo, da un sondaggio condotto da Gallup e pubblicato il 16 agosto 2022 sotto il titolo Americans not convinced marijuana benefits society, si evidenzia che sono più i cittadini americani che fumano cannabis che tabacco, indicando che il 16% degli intervistati fumano erba in confronto al 11% che fuma la sigaretta tradizionale, e il 68% degli adulti americani a favore della cannabis, ritiene che la marijuana dovrebbe essere legalizzata.

Mentre i governi non lavorano fortemente su politiche per creare consapevolezza nella popolazione sul consumo di alcol e di tabacco, e gli effetti negativi per la salute, la cui vendita è addirittura considerata legale in tutto il mondo, sono proprio questi, l’alcool e il tabacco, ritenuti più nocivi della canapa, da due persone su tre facenti parte al sondaggio della Monmouth University, di New Jersey.

Il perché di questa correlazione tra la Cannabis ricreativa e il calo nel consumo di tabacco, lo spiega il fatto che il CBD, sostanza non psicoattiva, potrebbe inibire il metabolismo della nicotina, e dunque, di fumare ancora un’altra sigaretta, facendo smettere le persone al suo consumo, come lo dimostra uno studio supportato dal National Institutes of Health Grant negli Stati Uniti, pubblicato il 16 febbraio 2023.

👉 Non perdere: 4 Utili Trucchi per Potenziare i Benefici del CBD

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali
  • Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate
  • ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

  • Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate
  • Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

Lascia un commento