Al momento stai visualizzando Fiori di canapa e il decreto sul CBD, cosa cambia?

Fiori di canapa e il decreto sul CBD, cosa cambia?

A seguito del decreto sul CBD emanato dal Governo lo scorso 21 agosto in cui viene adottato un provvedimento che regolamenta le composizioni orali a base di CBD, estratto dalla Canapa. La domanda che si pongono in tanti è come influisce la normativa sui fiori di canapa?

Fiori di canapa, fiori cbd, decreto sul cbd, infiorescenze canapa, infiorescenze di canapa, olio cbd

Approfondiremo questo argomento nel nostro puntuale appuntamento.

Fiori di canapa cosa sono?

In primis, iniziamo con la definizione dei fiori di canapa. Conosciuti anche come fiori cbd o infiorescenze di canapa.

Si caratterizzano per la presenza di una percentuale irrisoria di THC, inferiore allo 0.2%, che viene contrastata da un alto contenuto del cannabidiolo CBD della pianta che annovera molte proprietà benefiche, in quanto funge da specie di riequilibratore.

La pianta femmina canapa, a differenza dell’esemplare maschio, è in grado di produrre le infiorescenze, che una volta raccolte, a seguito di un accurato procedimento di coltivazione e manutenzione, vengono essiccate e ulteriormente lavorate, per togliere altri residui (procedura questa conosciuta come concia).

Fiori di canapa: metodo di assunzione

Sono diversi i modi di assumere i fiori canapa, tra questi, si annoverano i seguenti: 

  • Fumare erba legale
  • Tisana o infuso di cbd
  • Vaporizzare canapa legale

Vale la pena ricordare che le infiorescenze di cannabis sativa essendo ricche di cbd vantano proprietà rilassanti e analgesiche, comprovate attraverso diversi studi scientifici a riguardo.

Canapa sativa legale, canapa light, canapa legale, canapa italiana, decreto sul cbd, derivati della Canapa, estratto cbd

👉👉 Dai un’occhiata al nostro listino di tè, infusi e tisane alla canapa bio cliccando qui.

Occorre fare attenzione al paese nel quale si prende atto di uno di questi metodi di consumo dei fiori di canapa, in quanto in certe nazioni è vietato il fumo di erba

Specialmente in Italia, ci vuole una particolare attenzione su questo tema ed essere aggiornati continuamente in merito alla legalità dei derivati di canapa, poichè il governo di destra non fa altro che imporre nuovi divieti e veti sulla pianta di cannabis legale, di cui parleremo nelle prossime linee.

👉 Da leggere: Olio CBD, cosa stipula il nuovo decreto, entrata in vigore

Perciò bisogna informarsi bene per quanto riguarda l’assunzione cbd, per evitare di incappare in problemi legali.

Cosa dice il decreto sul CBD?

Come detto all’inizio, il Ministro della Salute Orazio Schillaci, in data 21 agosto 2023, ha dato prosieguo ad un decreto del precedente Ministro Roberto Speranza, tre anni fa e sospeso a meno di un mese dalla sua pubblicazione, nel quale inseriva le composizioni orali di cbd nell’elenco dei medicinali all’interno del testo unico sulle droghe.

In pratica si tratta di una vile stretta sulla cannabis legale, poiché il decreto sul cbd vieta la vendita senza ricetta medica da settembre 2023 di qualsiasi estratto di cbd a consumo orale, e questo interessa anche l’olio cbd

Il che significa che questa sostanza, ovvero il cbd canapa, che tra l’altro non ha effetti psicotropi, viene inserita nella tabella di sostanze stupefacenti.

Il paradosso di questo decreto del Ministro Orazio Schillaci, è che va contro le raccomandazioni espresse dall’Organizzazione Mondiale della Salute, la quale attraverso una Commissione di esperti, nel 2017 ha dichiarato che occorre spostare l’attenzione e il controllo internazionale sulle preparazioni a base di cbd, in quanto è considerato un componente sicuro, privo di effetti psicotropi (questi sono associati esclusivamente al THC, non al CBD).

Ma non solo, anche la Corte di Giustizia dell’UE (CGUE) il 19 novembre 2020 ha definito che il CBD essendo una sostanza non stupefacente, la sua vendita non può essere vietata negli altri paesi membri dove viene prodotto, questo attraverso la sentenza C-663-18.

Tuttavia il Governo italiano ha deciso di andare contro le raccomandazioni di esperti del settore, e perfino ignorare il fatto che alla fine del 2020 la Commissione Stupefacenti delle Nazioni Unite, ha tolto la cannabis sativa legale e gli estratti derivati, dalla tabella IV della single convention sulle droghe e narcotici del 1961.

Bisogna chiarire che il decreto italiano sul cbd non intacca gli altri derivati di canapa, in particolar modo, i fiori cbd, che possono essere acquistati ancora presso i canapa shop online o nei punti di vendita fisici sparsi sul territorio.

Alla base di questo decreto sul cbd, il governo si giustifica argomentando che non si tratta di vietare la sostanza ma di regolamentarla, sapendo che considerandola come un medicinale, per via dei suoi effetti terapeutici, e permettendo la sua vendita esclusivamente presso le farmacie, non fa altro che danneggiare tutta la filiera della canapa, che si occupa della produzione e commercializzazione anche del cbd ad uso orale

Quindi, inutile dire che la nuova stretta sulla canapa sativa legale, va contro lo sviluppo economico di questo settore, continuamente sotto l’occhio del governo.

Non è detto che poi in futuro questo divieto si estenda pure fino agli altri derivati di canapa, quali le infiorescenze, ovvero i fiori di canapa, che al momento non subiscono gli effetti di questo provvedimento, piuttosto assurdo contenuto nel decreto sul cbd pubblicato in Gazzetta ufficiale il 21 agosto 2023.

👉 Dai un’occhiata alle nostre infiorescenze di canapa sativa cliccando qui.

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

🛑 ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali
  • Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate
  • ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

  • Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate
  • Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

Lascia un commento