Polvere per denti. Benefici e Consigli

La polvere per denti è uno di quei prodotti difficili da trovare nei supermercati, in quanto solitamente non sono molto conosciuti, la si trova in qualche negozio specializzato o anche online, ma per sorpresa di molti inizialmente è stato un precursore del dentifricio convenzionale a cui siamo abituati.

La maggior parte delle polveri per denti è fatta da ingredienti biologici e organici
La polvere per denti può diventare un nostro alleato per la cura dentale

 

Nell’articolo di oggi, ti spiego di cos’è fatta la polvere per denti e elencheremo dei benefici, regalandoti qualche prezioso consiglio per il suo utilizzo.

Avere un bel sorriso inizia dal prendersi cura dei denti seguendo una corretta igiene orale, che come sappiamo aiuta a prevenire i problemi dentali (oltre al fatto che sono costosi da sistemare), quindi per evitare di sborsare somme assurde di denaro in trattamenti vari dal dentista, è meglio investire in prodotti di qualità e naturali per l’adeguata cura dentale (che alla fine costano di meno), questo non vuol dire non andare mai da uno specialista dentale, anzi è consigliato andare almeno una o due volte all’anno per un regolare controllo di routine, però i costi della visita dal dentista saranno decisamente ridotti. 

L’igiene dentale nel passato

Non ti sei mai chiesto come facevano le persone di mille anni fa per lavarsi i denti, per togliere quel brutto odore che esce dalla bocca quando non ci si lava questa parte importante del corpo?

Si dice che nei tempi antichi, risalendo ai tempi di Cleopatra, gli egiziani usavano una specie di polvere per denti per igienizzare la bocca, così come gli antichi greci e i romani, fatta da ingredienti quali:

  • mirra, gusci brusciati d’uovo, le ceneri di ossa schiacciati di animali, e gusci di ostrica, per creare delle polveri dentali in grado di togliere il cattivo odore e di pulire i denti.

La cura dentale però si è evoluta dal 1000 D.C quando i persiani si sono accorti di come l’uso continuato di polveri abrasive avrebbe potuto danneggiare i denti, quindi hanno creato un’altro tipo di polvere dentale facendo uso di materiali più delicati quali:

  • gusci brusciati di lumaca, parti secche di animali morti, miele ed erbe

Durante il secolo XIX, le polveri dentali si facevano a base di sale, gesso o bicardonato di sodio, essendo molto popolari e diffuse all’epoca. Poi, il dentifricio rimpiazzò la polvere per denti, approssimatamente nel 1850 (venduto in barattoli di vetro).

Di cos’è fatta la polvere per denti?

Che bello è godere di un alito fresco, avere la bocca e denti puliti e liberi da batteri, non solo perché rifletta un’immagine positiva di noi, ma anche perché parla della nostra igiene personale.

Inoltre, rinfrescare l’alito dona una sensazione piacevole, prevenendo l’alitosi (ovvero l’alito cattivo e sgradevole).

La polvere per denti può diventare un nostro alleato per la cura dentale, è un’alternativa più ecologica e naturale al dentifricio, i principali ingredienti sono:

  • Bicarbonato di sodio, leggero abrasivo per eliminare le macchie, lo sporco e la placca
  • Componente detersivo che varia a seconda del produttore della polvere dentale
  • Erbe, ad esempio: menta, cannella, chiodi di garofano, per aggiungere proprietà antisettiche e antibatteriche
  • Aromatizzante o dolcificante per donare al prodotto un miglior odore/sapore.

Benefici di usare la polvere per denti

Scopriamo ora quali sono i benefici nell’usare la polvere dentale:

  • La maggior parte delle polveri per denti è fatta da ingredienti biologici e organici. Quindi, è un’alternativa ecologica, sostenibile e ad impatto zero, rispetto ai dentifrici convenzionali
  • Risulta più efficace nel rimuovere le macchie e la placca (in confronto al convenzionale dentifricio)
  • Riduce il problema della gengivite
  • Non contiene fluoruro né sulfati, il che significa che non è tossico e può essere usato anche per i piccini di casa
  • Può essere fatto facilmente a casa, anche se per comodità e per una maggiore qualità puoi acquistare la polvere per denti allo zenzero organica e certificata, che garantisce una pulizia a fondo dei denti e dona un leggero sbiancamento grazie alla silice nella sua formula, in più, contiene estratti vegetali puri di zenzero, camomilla, cannella e calendula per proteggere le gengive e garantire la salute della flora orale
  • Il prodotto dura più a lungo, in quanto basta spruzzare appena un po’ della polvere sullo spazzolino per denti.

Svantaggi nell’usare la polvere per denti rispetto al dentifricio

Alcuni degli svantaggi che può avere questo prodotto per l’igiene della bocca sono:

  • La mancanza di fluoruro difficolta il combattere la cavità dentale
  • Può essere un po’ abrasivo per i denti, dunque per evitare questo inconveniente si raccomanda di usare l’olio di cocco al posto dell’acqua giacché così facendo si riduce l’effetto abrasivo 
  • Per alcune persone può essere difficile da usare, ma è più che altro una questione di abitudine
  • Per le persone che soffrono di denti sensibili è raccomandato usare la polvere dentale al massimo 2 volte a settimana

Consigli. Quanto usare di polvere per denti?

  • Si raccomanda usare 1/8 della misura di un cucchiaino di polvere per denti
  • Spruzzare con cura la polvere su uno spazzolino bagnato o umido (a differenza dell’uso del dentifricio comune, ci vuole un po’ di acqua per usare questo tipo di prodotto), è anche possibile spruzzarlo direttamente nella bocca
  • Procedere a lavarsi i denti come normalmente si è soliti fare, per circa 3 minuti applicando una delicata pressione
  • Sciacquarsi bene la bocca con acqua

E tu cosa preferisci per la tua igiene orale? Usare il solito dentifricio o passare a un prodotto più naturale come la polvere per denti? Facci sapere nei commenti.

Spero che questo articolo ti sia stato molto utile, ricordati che se desideri avere maggiori informazioni su qualche determinato prodotto puoi inviarci una mail a: info@oasidellacanapa.com o scriverci via WhatsApp: +39 333.2834310.

Condividi sui Social questo Articolo

Gli Ultimi Articoli