Al momento stai visualizzando Settimana Bianca di Passione: Racconto erotico di Cannapita

Settimana Bianca di Passione: Racconto erotico di Cannapita

Mercoledì 20 dicembre, mancano pochi giorni a Natale e la nostra Cannapita, nel suo eccitante racconto erotico, come capita da molti anni a questa parte, è malinconica. 

Racconto erotico, storia erotica, racconti erotici, storie erotiche, racconti, settimana bianca

Questo suo stato d’animo è dovuto al fatto che pensa ancora al suo chiodo fisso, che non vede e non sente dopo quell’ultimo fugace e passionale incontro. 

Sí perché dopo essersi visti e amati follemente (come abbiamo letto nella parte IV del racconto erotico che corre in Autostrada) con tutto il loro ardore, una unione di corpi e anime che faceva presagire ad un idillio duraturo. Purtroppo per lei, così non è stato, visto che il suo animalesco e virile amante si è volatilizzato ancora una volta nel nulla. 

Delusa e arrabbiata, in un impeto d’ira, aveva sfogato tutta la sua frustrazione in un messaggio vocale recapitato a quel bandito che si era permesso di trattarla come un fazzolettino usa e getta. Ahimè, non avendo ottenuto nessuna risposta, ha deciso di cancellare il suo numero. Stranamente ha deciso di non bloccarlo, magari nel profondo del suo cuore, spera che prima o poi il suo chiodo fisso si rifaccia vivo. Ma questa è un’altra storia. 

Cannapita gira pigramente per  casa sua, meditando su cosa fare per rendere meno piatte e noiose queste giornate di festa. 

Come da tradizione il 24 dicembre sarà a cena con i suoi amati genitori, che vivono in un tranquillo paesino collinare, mangiando e bevendo in allegria; ma dal giorno dopo sarà completamente libera. Cosa si inventerà? 

Racconto erotico nella settimana bianca di Cannapita

Mentre il suo cervello si arrovella nel cercare la soluzione ideale per trascorrere qualche giorno stimolante, decide di concedersi una pausa. 

Si reca in cucina e prende una squisita tavoletta di Cioccolato Fondente con Semi di Canapa, prodotto dalla Hanf & Natur, numero uno tra i produttori europei di alimenti e cosmetici a base di canapa, tramite agricoltura biologica controllata. Cannapita ne gusta il sapore deciso (così deciso come il racconto erotico da dove tutto è partito) ed inconfondibile, accompagnandolo con un ottimo bicchiere di vino rosso

Dopo essersi rilassata per qualche minuto, prende lo smartphone in mano e cerca qualche idea per passare il capodanno. 

Spulciando tra i siti di prenotazioni, si imbatte in un delizioso chalet nelle montagne svizzere e decide così di informarsi maggiormente per pianificare la sua meritata vacanza. 

Accende allora il computer, munito di RayGuard Chip – set da 5 – 5G, una sorta di firewall per il nostro corpo, che ci protegge dagli effetti indesiderati delle onde elettromagnetiche, che si può utilizzare su tutti i dispositivi elettronici come smartphone, tablet, PC e smart TV e passa in rassegna tutte le foto del piccolo borgo montano dove è situato lo chalet. 

Dopo aver consultato il percorso da fare per raggiungere questo posto da favola (la location perfetta per un racconto erotico da far volare altro che l’immaginazione), decide di prenotare per una settimana, fino all’inizio del nuovo anno e chiama direttamente il proprietario, al numero che trova sul portale. 

Qualche squillo e risponde una voce maschile che si presenta come Stefano, Cannapita spiega il motivo della telefonata e i due riescono ad accordarsi ad un prezzo addirittura più favorevole rispetto a quanto precisato sul portale; dandosi appuntamento al giorno seguente, si salutano con cordialità. 

Bene, adesso bisogna solo preparare i bagagli, cosa non facile conoscendo le abitudini della nostra protagonista. Si reca quindi nella sua camera da letto e spalanca le ante della sua cabina armadio. 

Passa in rassegna tutti i suoi abiti più belli e preziosi, perché lei deve essere sempre la più ammirata e desiderata in qualsiasi luogo decida di mettere piede. 

Prima di provarsi i vestiti, crea una certa atmosfera accendendo un pó di Incenso Palo Santo in legno 500g, ideale per purificare il proprio corpo, l’ambiente circostante e anche lo spirito. Questo prodotto sprigiona un aroma leggero e dolce, assimilabile a quello dell’Olibano e del Neroli.

Adesso che la stanza è inebriata di questa essenza mistica, comincia a provare i suoi capi più iconici. 

Si scioglie i lunghi e folti capelli indossando un tubino nero senza tempo e li raccoglie in un elegante chignon quando opta per un mini dress rosso in pailettes. Ora è il turno delle scarpe, da abbinare ovviamente agli outfit del momento. 

Una volta che ha terminato di fare le valigie, decide di farsi una bella doccia rigenerante. 

La mattina seguente si sveglia molto presto, pronta ad affrontare il viaggio. Dopo circa tre ore, tra tornanti e salite, arriva finalmente a destinazione. 

Ad aspettarla sulla porta dello chalet, c’è Stefano, il padrone di casa. Un bel giovane di circa trent’anni, fisico statuario, capelli lunghi biondi e occhi verdi. Cannapita non resta di certo indifferente davanti a cotanta beltà, ma non lascia intravedere nulla, gli si avvicina e lo saluta con educazione, dopodiché, espletate le formalità del caso, i due si congedano. 

Disfate le valigie, decide di dare il suo tocco personale grazie all’Incenso Masala confezione regalo, che contiene ben 5 varianti di incensi indiani: Spiritual Yoga, Mysore Sandal, Chakra Healing, Salvia bianca californiana e Mantra Meditation. Opta per quest’ultima, ottima per migliorare attenzione e meditazione

Qualche ora più tardi, mentre Cannapita sta riposando dopo il lungo viaggio, gli arriva un messaggio su Whatsapp. Chi sarà mai? Il suo chiodo fisso? Lei lo vorrebbe con tutto il cuore, ma purtroppo non si tratta di quel bastardo manipolatore. È invece il proprietario della struttura, Stefano, che le chiede se vada tutto bene e si rende disponibile per esaudire qualsiasi sua richiesta o desiderio. 

🔥 Non perderti altri capitoli del racconto erotico più accattivante di sempre: Un ritorno inaspettato per Cannapita

La nostra bellissima donna è sorpresa da questo gesto inaspettato e ringrazia il nerboruto capellone, chiedendogli se è a conoscenza di un bel locale in zona dove poter trascorrere la serata. 

Stefano non si lascia scappare l’occasione e la invita a cena nel suo ristorante di fiducia. Lei accetta con piacere, dicendo al suo cavaliere di passare a prenderla verso le 20.30. 

Compiaciuta, prima di prepararsi, medita per qualche minuto con il suo cuscino meditazione ohm, in colore avorio bianco e imbottito con pula di grano saraceno. 

Cannapita è splendida, indossa un dolcevita nero aderente, che mette in mostra il suo corpo sinuoso, jeans skinny e décolleté argento. Trucco leggero e capelli raccolti. 

Attende il suo spasimante in salotto, sorseggiando un flute di champagne. 

Sono le 20.24 e Stefano, puntualissimo, bussa alla porta dello chalet. 

Cannapita apre la porta e quello che succede, lo scopriremo nel nostro prossimo appuntamento per un altro affascinante racconto erotico!

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento