Al momento stai visualizzando Il mondo al contrario: Riflessioni sul decreto CBD 2023

Il mondo al contrario: Riflessioni sul decreto CBD 2023

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Ne il mondo al contrario come quello in cui stiamo vivendo ai giorni nostri, anche la pianta più controversa al mondo, la canapa, si è ritagliata uno spazio per fare delle riflessioni sul decreto CBD Italia che la riguardano in un momento di tensioni perenni dettate dalla guerra tra Israele e Palestina

Canapa, decreto cbd, decreto cbd Italia, decreto cbd 2023, decreto olio cbd, olio cbd, cbd, cbd canapa

Le ultime notizie di oggi in Televisione

Capita sempre non appena accendiamo la TV per guardare il telegiornale e sapere cosa sta succedendo nel mondo, che le prime cose che vengono riportate sono le notizie che creano più scalpore naturalmente.

Ricordiamo nel 2020-2021, quando tutti i giorni non si parlava d’altro che di Covid19; poi nel 2022 l’impennata dell’inflazione e il caro bollette come conseguenza indiretta del conflitto Ucraina-Russia.

Nel 2023, quando già si intravedeva la voglia dei big media di creare allarmismo parlando dell’ennesima variante Covid19 in prossimità dell’inizio della stagione fredda in Italia e dei richiami per il vaccino per combattere il virus, all’improvviso non se ne è più parlato.

Il motivo? C’è un altro successo di dimensioni più grandi di cui occuparsi: la guerra tra Israele e Palestina e le possibili ripercussioni nell‘economia italiana, che non ha ancora recuperato dai danni causati dalle limitazioni imposte dal Coronavirus e dall’inflazione.

Decreto CBD 2023

Mentre in TV non si sentono quasi più notizie che riguardano il settore della Canapa, come ad esempio, quella in merito alla sospensione del decreto cbd, bloccato fino al 24 ottobre 2023 in attesa di una decisione finale sulla libera vendita di prodotti cbd uso orale, di cui si discuterà all’interno della Camera di Consiglio.

Neanche sul noto programma televisivo Le Iene, che solitamente trasmette servizi speciali che tendono a sviscerare delle vicende considerate ingiuste o sospette, di cui il Governo non parla, non hanno fatto ancora nessun servizio per far luce sulla manovra, finora fallita, del Ministro della Salute Orazio Schillaci, che ha rispolverato un vecchio decreto dell’ex Ministro Roberto Speranza (emesso nel 2020 ed ormai archiviato a distanza di un mese dalla sua promulgazione in gazzetta ufficiale), che prevede la vendita di composizioni orali a base di CBD esclusivamente nelle farmacie autorizzate e non più nei cannabis shop o nelle erboristerie, alla luce della “errata” considerazione del cannabidiolo in questione come una sostanza stupefacente (quando al contrario è un componente attivo 100% sicuro e privo di effetti psicotropi) inserendolo nella sezione B della tabella dei medicinali, riferita al testo unico delle sostanze stupefacenti.

Addirittura l’ONU in data 2 dicembre 2020 ha rimosso la cannabis dall’elenco delle sostanze dannose.

In seguito, ricordiamo la trasmissione mandata in onda il 12 novembre 2021 su Italia1: Le Iene Cannabis, in occasione della mobilizzazione per la raccolta delle firme a favore del referendum sulla cannabis, che come sappiamo è stato bocciato dalla Corte Costituzionale

La domanda che allora si facevano in tanti è perché è stato bocciato il referendum sulla cannabis? Stando a quanto riportato dalla stessa Corte, il motivo per il quale è stata respinta la richiesta sta nel fatto che essa includeva anche la legalizzazione delle droghe pesanti, come la cocaina e il papavero.

Dunque, quando si parla di CBD cannabidiolo, questo componente attivo della canapa non è e non deve essere “mai” considerato come una sostanza stupefacente, a differenza del THC, poiché non fa “sballare“, essendo privo di effetti psicoattivi.

Allora perché in Italia c’è ancora questa sorta di accanimento contro la canapa attraverso il decreto CBD? Se addirittura in passato degli esperti in sostanze stupefacenti conformato da un team di professionisti specializzati dell’OMS sono giunti alla conclusione di escludere il cannabidiolo dal controllo internazionale in quanto è una sostanza sicura (facendo riferimento alla raccomandazione dell’OMS del 14 dicembre 2017). 

Dobbiamo ancora aspettare la decisione della Camera del Consiglio attesa per il 24 ottobre 2023 in merito al decreto cbd Italia sulla commercializzazione dell’olio cbd e dei prodotti a base di cbd uso orale nei canapa shop e nelle erboristerie, senza che sia appannaggio esclusivo delle farmacie. 

👉 Leggi anche: L’olio cbd torna in vendita: ricorso al TAR sul decreto

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

🛑 ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali
  • Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate
  • ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

  • Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate
  • Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

Lascia un commento