Al momento stai visualizzando Per cosa è famoso il Libano, cosa è il rosso libanese?
Libano. Paese affascinante di realtà contrastanti

Per cosa è famoso il Libano, cosa è il rosso libanese?

Quando si parla del Libano, esotico paese del medio-oriente che si affaccia sul bellissimo mar mediterraneo, ai cannamatori viene spesso in mente una parola, Rosso Libanese. Il motivo lo scopriremo in questo interessante articolo.

Cosa vedere nel Libano, cosa vedere a Beirut, turismo libanese, rosso libanese, per cosa è famoso il Libano
Libano. Paese affascinante di realtà contrastanti

In primis, vediamo cosa ha questa nazione da offrire ai potenziali visitatori e cosa c’è da vedere per coloro che sono intenzionati a recarsi in questa parte del mondo. Iniziamo!

Perché visitare il Libano?

Per anni il Libano ha dovuto fare i conti con una lunga guerra civile, durata quindici anni, e che si è prolungata fino al 1990, lasciando dolorosi strascichi nella popolazione.

Ora sembra che le cose nel territorio abbiano raggiunto una certa stabilità, sebbene non completamente, e le persone stiano cercando di vivere la loro vita in maniera discretamente normale. 

Nonostante sia un paese che stupisce i viaggiatori che lo visitano, non è di certo una meta turistica gettonata, ed è un vero peccato perché il Libano custodisce tesori preziosissimi sia a livello culturale sia dal punto di vista architettonico.

Una nazione affascinante in continua ricostruzione che sta rinascendo dalle ceneri del suo passato conflittuale.

Visitare il Libano può provocare emozioni contrastanti, giacché stupisce vedere costruzioni rovinate e distrutte e allo stesso tempo altre in corso che dimostrano il volto moderno della capitale del paese, ad esempio, hotel di lusso, edifici e residence per le strade di Beirut, il che significa che questa magnifica città sarà tutt’altro di quello che ci si possa aspettare da queste parti fra un paio di anni.

Arrivare qui, è sentire subito l’ospitalità libanese, che nonostante i duri tempi vissuti nel passato, sono persone socievoli e fanno sentire i turisti come se fossero a casa loro.

Cosa vedere a Beirut?

Arte, design non convenzionale, tradizione, e storia che coniuga in perfetta simbiosi il presente e il passato, sono queste le parole giuste per descrivere la capitale del Libano

Fino agli anni ’70 e prima dell’esplosione del conflitto interno e le controversie con Israele, Beirut veniva chiamata la Svizzera del medio oriente

La città ostentava un fascino particolare che tuttora si riesce a percepire camminando per le sue strade che lasciano intravedere il passato glorioso che una volta ebbe questa capitale.

Una città vivace, cosmopolita, giovane, ospitale, questa è Beirut, che fa trapelare da ogni angolo storia e cultura.

Inoltre è anche una meta perfetta per chi vuole spendere poco. 

Anzi, dopo il rientro della maggior parte degli italiani che sono partiti per le vacanze d’agosto, in molti hanno optato per concedersi dei giorni liberi proprio quando c’è meno affollamento, e quando i prezzi tornano alla normalità, compresi quelli dei biglietti aerei. In questo modo, ci si può godere meglio la città che si decide di visitare. 

Proprio per questo certi turisti preferiscono andare in vacanza a settembre per potersi addentrare al meglio nell’esperienza di viaggio e per vivere al massimo la cultura e la gente del posto.

Se stai pianificando il tuo prossimo viaggio in Libano paese dei cedri, nel tuo itinerario non possono mancare questi posti da vedere:

Cosa vedere nel Libano, cosa vedere a Beirut, turismo libanese, Zaitunay Bay Beirut, Zaitunay Bay Libano
Zaitunay Bay Beirut, Libano
  • Zaitunay Bay, sito sulla linea della costa che bacia il mediterraneo lungo Beirut. Zona di lusso e privilegiata
  • Mohammad Al-Amin Mosque, conosciuta anche come Moschea di Piazza dei Martiri, uno degli emblemi religiosi più iconici della città. Si trova nel centro di Beirut
  • Cattedrale greco-ortodossa di San Giorgio. La più antica della capitale che ospita l’arcidiocesi della città. Vale la pena visitare il museo sotterraneo della cattedrale per ammirare i reperti archeologici appartenenti al periodo ellenistico, bizantino, romano, ottomano e medievale 
  • Gemmayzeh Street, storico quartiere della movida di Beirut, dove ci si perde nello stile architettonico ottocentesco delle case lungo la zona, ad influenza ottomana. Vi sono alberghi di tendenza, pub, bar, e ristoranti, dove passare del tempo a mangiare o a bere qualcosa di tipico della città
  • Suq di Beirut. La zona dello shopping, qua si trovano negozi di griffe rinomate, in pratica, è un centro commerciale all’aperto. Purtroppo per via della crisi economica che affligge il paese, alcuni negozi sono chiusi

Bisogna tenere in considerazione anche che essendo un paese ancora politicamente instabile, in giro per le città si possono ancora vedere gli strascichi della guerra, un forte contrasto tra edifici distrutti e quelli in costruzione, strade poco illuminate o addirittura in certe zone totalmente buie in quanto la fornitura elettrica privata non è attrezzata per coprire i fabbisogni giornalieri dei cittadini.

Però se queste limitazioni, da un certo punto di vista non rappresentano un problema per voi, allora preparatevi per imbarcare in questa eccitante avventura di viaggio, in cui sicuramente imparerete molto sia dalla storia del Libano sia dalla sua gente, disposta ad accogliervi a braccia aperte.

Perciò è bene sapere questo per non farsi troppe aspettative.

Polline Rosso Libanese 

Avete mai visto la bandiera del Libano? Sì, proprio quella con l’albero di cedro in mezzo, e tre strisce orizzontali, due rosse sopra e sotto, e nel centro una bianca.

Proprio facendo riferimento all’origine di questo polline di cannabis, si presenta così il rosso libanese, che fa onore alla bandiera del paese dove viene coltivato, e anche al suo colore caratteristico, rosso con sfumature marroni, dal profumo intenso, effetti marcati, gusto dolce con equilibrate note speziate.

Rosso libanese, polline rosso libanese, hash libanese, per cosa è famoso il Libano
Rosso Libanese. Clicca l’immagine per scoprire di più

Al posto del cedro nella bandiera del Libano, per i cannamatori ci potrebbe stare il rosso libanese, come il simbolo che lo contraddistingue grazie al metodo utilizzato per la coltivazione di questo polline di tinta rossa.

Infine, la produzione di questo hash libanese è la specialità del paese che lo coltiva e raccoglie dopo una parziale esicazione della pianta di cannabis sotto la luce del sole, e ulteriormente al riparo, procedendo con l’estrazione del polline rosso libanese, che prende questo colore per la perdita di clorofila grazie l’effetto solare che gli attribuisce le caratteristiche che possiede. Dunque, ci si può aspettare una qualità superiore.

👉 Ti potrebbe interessare: Dove è nato il BONG? Le vere origini, vantaggi, diversi tipi 

Oasi della Canapa, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali
  • Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate
  • ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate

Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.

Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.

Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.

Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.

In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.

In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.

Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.

Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.

  • Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate
  • Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso

Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.

Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

 

Lascia un commento