Al momento stai visualizzando Super Skunk: quali sono gli effetti ed i benefici?

Super Skunk: quali sono gli effetti ed i benefici?

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Ritenuta una delle varietà di cannabis più note ed apprezzate di sempre, la Super Skunk nasce negli anni ’80.

E’ un mix di ceppi originari dal Messico, Afghanistan e Colombia, un incrocio tra canapa indica e sativa con prevalenza di indica.

Ha conquistato la prima edizione della Cannabis Cup, rappresenta una delle prime varietà di canapa liberamente commercializzate ed è diffusissima in tutto il globo.

Aroma inconfondibile, effetti benefici degni di nota.

Conosciamo meglio la skunk, ne vale la pena.

Super Skunk: caratteristiche della pianta

Questa varietà di marijuana è ibrida (un mix di Skunk 1 e afgana), dal sapore acidulo inconfondibile, dalla tinta verde scura (con tonalità arancioni o marroni) e dal sapore piacevole e delicato, con prevalenza di melograno e mirtillo.

Per l’80% è cannabis Indica, per il restante 20% è Sativa.

Ci mette un po’ più di tempo a fiorire (45-50 giorni) rispetto ad altre varietà, ma poi esplode in tutta la sua potenza e bellezza.

Questa pianta, dalle cime spesse, pungenti e molto folte, è caratterizzata da un’abbondante produzione di resina, foglie ampie, infiorescenze dense e compatte.

Emana un odore molto intenso ed è piuttosto generosa, con un’abbondante resa produttiva.

E’ di facile gestione, in termini di coltivazione, è una pianta alta, robusta, molto resistente alle temperature rigide e adattabile a qualsiasi condizione climatica.

La Skunk di qualità si riconosce da questi elementi:

– cime dense, compatte, molto resinose;

– capacità di espandersi con facilità dopo essere stata essiccata e macinata;

– odore pungente;

– sapore inconfondibile con sentori di fiori e arancia.

Super Skunk: effetti e benefici

Quali sono gli effetti e i benefici della Super Skunk su corpo e mente?

La lista è lunga, ecco una sintesi dei principali benefici psicofisici:

– combatte stress, ansia e crisi di panico;

– rilassa e dona benessere;

– migliora l’umore, l’entusiasmo;

– porta ad uno stato di euforia;

– contrasta la stanchezza;

– agisce contro nausea e vomito;

– è un antidolorifico naturale al 100% anche per le emicranie e i dolori mestruali;

– è un energizzante;

– favorisce il sonno rigenerando;

– contrasta i crampi.

Gli effetti, di solito, durano dalle 2 alle 3 ore dall’assunzione.

C’è da dire che l’azione di questa pianta, definita dispercettiva, amplifica le sensazioni e la percezione di ognuno di noi (dall’euforia alla tristezza).

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante.

Tra i prodotti skunk supremi, ti ricordiamo:

Bloody Skunk Auto di Sweet Seeds, nata dall’incrocio tra Sweet Skunk Auto e Red Poison selezionato. Risultato: un ibrido Sativa/Indica autofiorente, una varietà dolce con un morbido aroma fruttato e note di agrumi, spezie piccanti, fiori e frutta matura;

Grape Skunk, incrocio tra Blueberry, Grapefruit e Skunk dall’inconfondibile aroma di uva e incenso;

– Skunk # 11, una leggenda della cannabis, una skunk premium, dal tradizionale aroma shiva, dal gusto Indica e di formaggio, dall’effetto anti-ansia e rilassante;

Sweet Skunk Auto, dall’effetto stimolante ed euforico ma anche rilassante, anti-stress;

– Big Skunk, varietà di semi di cannabis femminizzati Pure Seeds, pianta antidepressiva dal sapore di pesca gradevole e intenso;

New York Skunk, dal delizioso profumo pungente di diesel e pompelmo con pistilli di colore rosso accesso, ricca di resina;

Orange Bud, una delle varietà originali della famiglia Skunk, dal gusto forte e agrumato;

Amnesia Lemon, varietà di semi di cannabis femminizzata della banca olandese Barney’s Farm, un mix tra Skunk e Amnesia Haze dall’effetto stimolante e dal ricco sapore di limone;

– la nostra Italian Bud, varietà storica Skunk 100%, dal profumo che ricorda il luppolo di una birra IPA abbinato a fiori di sambuco e pompelmo, con sentore vegetale che richiama l’ortica e l’edera. Agrumato e floreale al punto giusto.

Fumare erba (light e non) è legale in Italia?

La legge italiana è molto severa in materia di sostanze stupefacenti: la semplice detenzione, se in un quantitativo sospetto, può far scattare severe sanzioni penali. Non costituisce reato il consumo personale, anche se si tratta di condotta comunque illecita, punita con sanzioni amministrative. Da qualche anno, la legge è intervenuta legalizzando la canapa a basso contenuto di principio attivo. Si tratta della famosa cannabis light con concentrazioni di THC inferiori allo 0,2%.

Il commercio e la produzione di tale varietà sono stati legalizzati in Italia dalla legge del 2 dicembre 2016, n.242.

In effetti, la legge in questione non fa alcuna menzione dell’uso ricreativo della cannabis light.

Sul punto, ci sono state tesi contrapposte: da una parte c’era chi sosteneva che la liceità della cannabis fosse circoscritta alla sua coltivazione e alla destinazione dei prodotti coltivati, entro i limiti stabiliti dalla legge sopra richiamata; dall’altra, c’era chi riteneva che qualsiasi utilizzo della canapa con Thc inferiore allo 0,6% dovesse ritenersi legale.

La Suprema Corte, nel 2019, con una pronuncia resa a Sezioni unite, ha sposato il primo orientamento, quello più restrittivo, ritenendo illegale il commercio al dettaglio di cannabis light, se non per i fini stabiliti dalla legge e visti nel paragrafo precedente.

Secondo le Sezioni Unite, la messa in commercio dei derivati della coltivazione della canapa light, costituiti da inflorescenze (marjuana) e da resina (hashish), continua ad essere sottoposta alla disciplina prevista per la droga.

In altre parole, è indispensabile che il giudice verifichi la concreta offensività della condotta, facendo riferimento non tanto alla percentuale di principio attivo, quanto all’idoneità della sostanza a produrre un effetto drogante.

Anche nel caso della commercializzazione di derivati della cannabis (inflorescenze, resina ecc.) che provengono dalla coltivazione lecita, e che quindi si caratterizzano per un basso contenuto di Thc, perché possa dirsi integrato il reato di spaccio bisognerà sempre valutare la concreta offensività delle singole condotte.

Così testualmente la Corte di Cassazione: «La commercializzazione al pubblico di cannabis sativa L. e, in particolare, di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della predetta varietà di canapa, non rientra nell’ambito di applicabilità della l. n. 242 del 2016, che qualifica come lecita unicamente l’attività di coltivazione di canapa delle varietà ammesse […] e che elenca tassativamente i derivati dalla predetta coltivazione che possono essere commercializzati, sicché la cessione, la vendita e, in genere, la commercializzazione al pubblico dei derivati della coltivazione di cannabis sativa L., quali foglie, inflorescenze, olio, resina, sono condotte che integrano il reato di cui al D.P.R. n. 309 del 1990, art. 73, anche a fronte di un contenuto di THC inferiore ai valori indicati dalla l. n. 242 del 2016, art. 4, commi 5 e 7, salvo che tali derivati siano, in concreto, privi di ogni efficacia drogante o psicotropa, secondo il principio di offensività».

Fumare cannabis light prima di mettersi alla guida può far comunque incorrere nel reato, previsto dal Codice della strada, di guida sotto effetto di sostanze stupefacenti, se l’assunzione della suddetta canapa ha influito sulla capacità di guida del conducente.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.
Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

  • Le informazioni diffuse sul Sito sono pubblicate dopo attente verifiche delle fonti, scelte con cura e per quanto possibile aggiornate ed ufficiali.
    Non è comunque possibile garantire l’assenza di errori e la correttezza delle informazioni divulgate.
    ll Sito, il suo Editore e i suoi autori non garantiscono né si assumono la responsabilità delle informazioni in qualsiasi forma riportate.
    Tali informazioni non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire una corretta relazione tra paziente e medico, anzi hanno l’obiettivo di favorire una corretta comunicazione paziente-medico; è pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista.
  • Le informazioni diffuse sul Sito sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute.
  • Le informazioni riportate nel Sito, nei vari articoli, nei contenuti, nelle eventuali risposte a commenti, hanno esclusivamente scopo informativo e non hanno in alcun modo né la pretesa né l’obiettivo di sostituire il parere del medico e/o specialista, di altri operatori sanitari o professionisti del settore che devono in ogni caso essere contattati per la formulazione di una diagnosi o l’indicazione di un eventuale corretto programma terapeutico e/o dietetico e/o di allenamento e/o di allattamento e/o di riabilitazione e/o di integrazione alimentare, e più in generale per il confronto sulle suddette informazioni.
  • Invitiamo gli utenti a seguire eventualmente i consigli del Sito solo se sono soggetti fisicamente sani e comunque solo dopo aver consultato al riguardo il proprio medico curante e/o specialisti nelle specifiche aree di interesse.
    In particolare, ma non solo, in presenza di qualsiasi tipo di patologie, intolleranze, stato di gravidanza, post gravidanza, obesità, etc.. raccomandiamo vivamente di rivolgersi a un medico o ad uno specialista.
  • In nessun caso il Sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti e/o dei commenti e/o dei forum, né altre soggetti connessi al Sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul Sito.
  • Il Sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nel Sito stesso.
    Non è possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate nè che le informazioni o i dati risultino aggiornati.
    Il Sito non garantisce la correttezza delle informazioni riportate.
    Il Sito e il suo Editore non si assumono la responsabilità in merito a eventuali danni riconducibili alla presenza di errori o informazioni erronee o non aggiornate riportate nel Sito stesso.
  • Il Sito e il suo Editore non rispondono dei danni lamentati dagli utenti per eventuali informazioni o contenuti del Sito che possano urtare la loro suscettibilità o offenderne la sensibilità.
  • Il Sito può includere collegamenti ipertestuali ad altri siti web gestiti da terze parti, inclusi inserzioni pubblicitarie e altri fornitori di contenuti. Questi siti possono raccogliere dati o richiedere informazioni personali da parte dell’utente. Il Sito e l’Editore non esercitano né sono tenuti ad esercitare alcuna forma di controllo e declinano pertanto ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti in qualsiasi forma all’utente dalla visione, dall’uso e/o dal funzionamento dei siti di terzi o servizi di terzi raggiunti tramite tali links. Pertanto i rischi legati all’utilizzo di tali siti saranno totalmente a carico dell’utente.

 

Lascia un commento